Articoli

Terriccio: quale scegliere?

Terriccio: quale scegliere?

Non è sempre facile districarsi nella scelta del terriccio per le nostre piante. Le tante tipologie che la grande distribuzione ci offre non aiutano certo il consumatore, anche esperto, a fare una scelta consapevole. Il giusto terreno di coltivazione è importante per ottenere il meglio dalla coltivazione delle piantine, che in un buon substrato cresceranno forti e più resistenti.

Come fare quindi?

Al di là del consiglio scontato ma mai banale di farsi consigliare nei vivai e negozi specializzati, è possibile con poche nozioni evitare di fare grossi sbagli nella scelta. Un buon terreno infatti deve:

  • – ancorare le radici della pianta
  • – contenere elementi nutritivi
  • – trattenere la giusta quantità d’acqua
  • – consentire un buon drenaggio, in modo da evitare ristagni idrici

Iniziamo a vedere le maggiori categorie in commercio:

  • UNIVERSALE: questo terriccio si adatta bene a tutte le piante, ed eventualmente può essere usato come base per crearne uno specifico. Dal pH neutro, quelli di migliore qualità hanno una buona percentuale di materiale drenante (lapillo, argilla espansa, pomice o perlite) e sono già concimati. Per la coltivazione di piante da orto può essere utilizzato questa tipologia, meglio se concimata biologicamente.

 

  • PER PIANTE ACIDOFILE: dal pH acido, questo substrato permette la coltivazione di piante come azalee, rododendri, ciclamini, aceri giapponesi, camelie, ortensie e molte altre. A differenza di quello universale ha una migliore capacità di trattenuta dell’acqua e al tatto risulta più fibroso in quanto derivato da un misto di torbe.

 

  • PER PIANTE GRASSE: il terriccio per piante grasse presenta una buona quantità di sabbia, necessaria per creare il giusto drenaggio che queste piante richiedono. La sostanza organica in questo caso, se presente, è ben incorporata.

 

  • PER AGRUMI, PIANTE MEDITERRANEE E AROMATICHE: in questo caso il substrato presenta del materiale drenante di grandi dimensioni (come lapillo o pomice) che permette un buon sgrondo dell’acqua. Poiché la maggior parte di queste piante si coltivano per poi utilizzarle in cucina meglio scegliere un terriccio concimato biologicamente.

In vivai specializzati si potranno trovare altre tipologie di terreno più o meno specifiche, basterà scegliere quella più adatta alla nostra pianta da coltivare.

Dopo qualche tempo che le piante sono rinvasate, la sostanza organica presente nel terriccio tenderà ad esaurirsi, dunque per favorire una crescita rigogliosa delle nostre piante sarà necessario reinserirla tramite concimi liquidi o granulari.

Piante grasse per il giardino: quali scegliere?

Le piante grasse piacciono a molti e a giusta ragione: sono facili da mantenere, sempreverdi e offrono bellissime fioriture. Difficile ottenere di più.

E’ possibile però coltivarle anche in zone dove gli inverni sono rigidi? La risposta è sì: alcune specie infatti si possono adattare a -10°C o anche -20°C. Scoprite la nostra selezione:

Sedum palmieri

Una  succulenta estremamente rustica, si adatta anche a piccoli contenitori. Fiorisce in primavera sino all’inizio dell’estate. Si vede spesso nelle zone marittime grazie alla sua resistenza all’aria salmastra

 


Agave americana

Una pianta succulenta originaria del Messico. Sopporta temperature sino a -10°C, rustica necessita però di posizioni soleggiate. Molto longeva, può arrivare sino a 50-60 anni di età e proprio da questa pianta si ricava lo sciroppo d’agave, dolcificante naturale.

 

 

 

Delosperma cooperii

Una  succulenta a portamento prostrato molto rustica. Fiorisce durante l’estate e richiede posizioni soleggiate per esprimersi al meglio.

 

 

 

 

Jovibarba sobolifera

Questa pianta grassa si trova bene in tutti i climi ed è molto adatta alla coltivazione in contenitore. E’ una pianta che si riproduce molto velocemente perciò può essere utile quando si vuole coprire in poco tempo uno spazio del nostro giardino.

 

Sempervivum tectorum

Molto diffusa in Italia, questa succulenta è molto rustica grazie alle sue capacità di adattamento a diversi climi e tipologie di coltivazione, basta porla in un luogo soleggiato. E’ molto utilizzata non solo per la sua bella fioritura lilla  ma anche perché ha un fogliame estremamente decorativo: da verde le foglie passano a colori aranciati  in autunno

 

 

 

 

Il nostro consiglio: l’importante per la crescita corretta di queste piante è fare in modo che le basse temperature invernali  non vengano associate all’umidità. Infatti nella maggior parte dei casi le piante succulente provengono da zone dove gli inverni sono molto asciutti, dobbiamo dunque ricordare di tenere il terreno delle nostre piante da novembre a marzo completamente secco. Ci possiamo aiutare durante la piantumazione con terricci specifici per piante grasse o mischiando terra universale con pomice e sabbia. In questo modo avremo un substrato di coltivazione predisposto allo sgrondo dell’acqua, piovana e non.

Elementi di portfolio